01/09/15 – Mediterranean Beach Games: San Marino cede di misura alla Slovenia

AndreaRaffaelli

E’ mancato davvero un soffio perché il beach volley sammarinese aprisse con una vittoria la sua partecipazione alla prima edizione dei Mediterranean Beach Games in corso di svolgimento a Pescara. La coppia Lorenzo Benvenuti / Matteo Zonzini ha perso per 2 a 0 contro Slovenia 2 (Leo Mohoric / Klemen Ponikvar) ma con un punteggio strettissimo: 21/19 21/19. I due titani allenati da Andrea Raffaelli hanno sofferto gli attacchi di Ponikvar (14 punti in totale con una percentuale d’attacco del 39%) ma hanno risposto colpo su colpo con Zonzini che ha piazzato ben cinque muri punto e nove punti in totale. Hanno, insomma, giocato un buon match andando a un niente dalla vittoria in ognuno dei due set.

Nell’altra partita del girone D giocatasi oggi, Serbia 2 ha battuto Libia 1 per 2 a 0, faticando moltissimo nel secondo set (21/15 25/23). Domani il “duo titanico” affronterà i serbi (alle 12) e giovedì 3 i libici ancora alle 12. Sempre giovedì 3 settembre iniziano gli ottavi di finale ai quali accedono le prime due di ogni girone più le quattro migliori terze.

“Nel primo set abbiamo subito troppo il gioco avversario rimanendo sempre indietro nel punteggio – commenta Andrea Raffaelli, allenatore del beach volley sammarinese. – Mentre nel secondo parziale siamo anche stati avanti fino al 16/10 e siamo stati ripresi sul 18 pari. Meritavamo almeno di andare al terzo set. Il team sloveno gioca insieme da quattro anni e, nei momenti di difficoltà, ha saputo aiutarsi”.

Come hanno preso questa sconfitta di misura Benvenuti e Zonzini? “Sono po’ dispiaciuti e arrabbiati ma spero anche che abbiamo voglia di rivalsa. Perché a tratti siamo stati più bravi dei nostri avversari”.

Che idea si è fatto di Serbia 2, la prossima squadra che San marino dovrà affrontare? “Li abbiamo visti giocare e li studieremo bene prima di giocarci contro. Io credo che contro di loro potremo disputare una buona partita”.

Nelle foto: il commissario tecnico Andrea Raffaelli