02/05/10 – Gulf-Femm niente play-off. Euromac in scioltezza. Banca S. Marino alla post season

Sabato 1 maggio, ultima giornata del campionato di serie C amara per la GULF-FEMM. Gianluca Versari, allenatore dei titani, era stato buon profeta nell’affermare che la Donati Ravenna non avrebbe regalato niente neppure in quest’ultima partita, nonostante la promozione dirette in B2 guadagnata da tempo. La GULF-FEMM, invece, visti i risultati delle dirette concorrenti ai play-off, avrebbe dovuto vincere almeno per 3 a 2. Dal parquet di Serravalle è uscita sconfitta per 1 a 3 (parziali: 25/15, 22/25, 17/25, 24/26) giocando una partita intensa contro un avversario di altra categoria. Il match inizia con una serie di errori (in battuta, in palleggio, in attacco e a muro), da ambo le parti. La GULF-FEMM è la prima a riprendersi da questo bruttissimo inizio match e opera il primo break sul 14/10 anche grazie ad alcuni bei palloni schiacciati a terra da Zonzini e Stefanelli. E’ il break decisivo perché la Donati non recupera più.Nel secondo e terzo set il Ravenna “macina” il suo gioco. Si parte in equilibrio in ambedue i set poi, inesorabilmente, gli ospiti allungano resistendo ai tentativi di ritorno dei padroni di casa. Nel quarto set, Stefanelli & Co. giocano allo spasimo per restare agganciati alla speranza play-off. Va avanti la Donati (6-9) ma i sammarinesi recuperano dopo il time-out chiesto da Versari (11/11). La GULF-FEMM aggredisce l’avversario con buone soluzioni d’attacco e si porta avanti fino al 21 a 18 ma stavolta è il Ravenna che sfrutta bene il time-out. Si arriva sul 24 pari. Ai vantaggi la maggiore potenza degli attaccanti bizantini chiude il match ed il campionato della GULF-FEMM. Il tabellino: Berardi 1, Larice 13, Lombardi, Muccioli, Pivi 5, Stefanelli 10, Tontini 13, Vicini (L), Zonzini 12. NE: Casali, Codicè, Pucci. Conquistata la salvezza in anticipo, l’EUROMAC vince in scioltezza (25/22 25/21 25/20 i parziali), contro la Spem Faenza. Un’avversaria che fino al giorno prima era convinta di giocarsi a Serravalle le ultime speranze di salvezza ma che, giunta l’ora della partita, era già salva per la sconfitta di 24 ore prima dell’Allianz Forlì. Nessuna tensione agonistica sul campo, dunque, ed EUROMAC che mette in cassaforte il primo set allungando con tranquillità fino al 13/5. Nel secondo tempo partenza equilibrata e titani sempre avanti di uno o due punti. Primo break sul 19/15 che risulta incolmabile per la Spem. Stefano Maestri, allenatore EUROMAC, continua ad operare cambi ma il gioco della squadra non ne risente. Il Faenza non è oggi un avversario temibile e anche il terzo set si chiude davvero senza nessun patema d’animo. L’EUROMAC chiude così in bellezza il campionato: 4 vittorie nelle ultime 4 giornate ed un solo set perso in casa del Viserba secondo in classifica. Le parole più belle arrivano da Leo Gennari, presidente del sodalizio. “La squadra dedica questa salvezza ad Alessandro “Cassa” Casadei, che ci ha lasciato tempo fa a causa di un incidente stradale. Era il nostro palleggiatore ed attorno a lui il team era stato creato. E’ sempre nel cuore di tutti noi. Ai nostri giocatori dico: bravi. Hanno reagito ad una situazione difficile e la salvezza è frutto sia del loro lavoro, sia di quello di Andrea Manconi che li ha allenati per tutto l’anno, sia di quello di Stefano Maestri che li ha avuti in mano nelle ultime quattro giornate di campionato”. Il tabellino: Andreini 1, De Luigi 1, Bulzomì 10, Rossi 2, Costantino 12, Lazzarini A. 15, Lombardini D. 1, Mancini n. e., Morri 7, Piscaglia 3, Lazzarini E. 3, Gennari A. (L). Serie C maschile. Classifica finale: Donati Ravenna 74, Thermolutz Viserba 59, Rapid San Bartolo 53, Cortesi Forlì 52, GULF-FEMM 51, Siropack Cesenatico 47, Yoga Forlì 38, Cral Mattei Ravenna 37, EUROMAC 31, San Giovanni in Marignano 25, Spem Faenza 25, Allianz Forlì 24, Cervia 18, Bar Carducci Cesena 12.  In serie D femminile, la BANCA DI SAN MARINO vince per la 16esima volta consecutiva; chiude il campionato al secondo posto e risulta la migliore seconda classificata di tutta la Regione. Ora aspetta di sapere con quale squadra sarà accoppiata nei play-off promozione che si giocheranno a partire da mercoledì 12 maggio. La partita in trasferta contro il Flamigni di San Martino in Strada è stata vinta per 3 a 0, come da pronostico (parziali: 25/21 25/23 25/23), ma con qualche patema d’animo di troppo. Fuori la palleggiatrice titolare Camilla Montironi per problemi di tendinite, tocca alla Pannigalli guidare gli attacchi delle titane. Colmo della sfortuna, nel pomeriggio questa ha un piccolo incidente stradale e deve giocare con un ginocchio ed un pollice gonfi. Ovvio che la sua prestazione ne risente. Rimane stoicamente in campo (alternative non ce ne sono), e cerca di guidare al meglio la squadra che non può comunque sviluppare il consueto gioco. A farsi carico degli attacchi è spesso e volentieri Georgette Mengarda, forte della sua esperienza, tecnica e forza fisica. I primi due parziali filano sempre sul costante equilibrio e anche in difesa si fatica più del dovuto. Fortunatamente il Flamigni è squadra giovane e non approfitta più di tanto delle defaillance sammarinesi. Nonostante le difficoltà la BANCA DI SAN MARINO porta a casa i primi due parziali. Nel terzo set le ragazze di coach Renzi vanno avanti 12 a 6 ma l’attacco continua ad avere problemi e le forlivesi rientrano e si portano in vantaggio sul 21 a 17. L’entrata di Veronica Barducci dalla panchina e il punto che mette subito a terra portano alla riscossa. Parenti si ritrova in attacco; Vannucci mura come sa e, con davvero tanta sofferenza, si chiude la partita. Il tabellino: Antimi (L), Bacciocchi 4, Barducci 1, Campo 3, Pannigalli 2, Mengarda 30, Vannucci 8, Parenti 5, Mazza M. n.e, Stimac n.e, Montironi n.e. Serie D femminile. Classifica finale: Uisp Imola 70, BANCA DI SAN MARINO 65, Csi Imola 65, Shoey Lugo 62, Stella Rimini 49, Longiano 47, Riccione 45, Center Copy Portomaggiore 44, Cral Mattei Ravenna 29, Cattolica 27, Romagna In Cesenatico 16, Endas Cesena 14, Flamigni 13, Fiat Center Rimini 0.